Il Rosone

Ci sono tanti libri aulici, noiosi o pretenziosi sulla cucina delle Venezie, Il profumo delle tavole è invece un’opera profondamente diversa. Si distende come un arazzo di temperamento veneto, cioè amicale, teneramente gioioso e conviviale. Esprime, con un suo singolare ritmo narrativo e antropologico, le ricchezze e lo spessore della civiltà identitaria, non solo gastronomica, delle genti venete con una viva, interna poesia.

Ulderico Bernardi attraversa le cucine dei Veneti con occhio e divagazione amorosi, compiendo un viaggio gioviale e piacevole, fra tradizione e attualità, rivelando così le qualità materiali, ma anche spirituali, della cucina povera, della cucina contadina e della cucina patrizia. Diverte con brio segnalando aneddoti, proverbi, massime, filastrocche, modi di dire, motti di spirito, anche fulminanti, improntati alle varie parlate delle Venezie. “Divaga” con gusto e letizia l’Autore, curioso e intelligente, sapienziale e alla mano, via via componendo un libro sui generis che è come un banchetto rusticale di nozze. E così ottiene la simpatia del lettore che sente levarsi dalle tavole imbandite un profumo, una sorta di effluvio visivo che pacifica i sensi e rasserena l’anima.

Sigilla Il profumo delle tavole un’antologia culinaria chiamata «Dispensa Letteraria» con testi, sia in poesia che in prosa, rari, suggestivi e originali, soprattutto sulla Polenta, il Pane e il Baccalà, che attingono anche alla struggente memoria dell’emigrazione veneta nel Brasile del Sud.

Altre opere di Ulderico Bernardi edite da Santi Quaranta

Una Terra antica

Il tesoro dei padri

Il lungo viaggio

La festa delle vigne

La piccola città sul fiume

Lascia il tuo commento

Start typing and press Enter to search