Raffaello Brignetti

Biografia e opere

RAFFAELLO BRIGNETTI, nato all’Isola del Giglio il 21 settembre 1921, ha trascorso l’infanzia e la prima giovinezza all’Isola d’Elba nel castello del Faro, di cui suo padre era guardiano. Ha frequentato le elementari a Porto Azzurro, il paese più vicino, che raggiungeva ogni giorno in barca. Conseguita la maturità al liceo classico di Portoferraio, si è trasferito a Roma per seguire gli studi universitari.

Durante la seconda guerra mondiale ha combattuto in Grecia; dopo l’8 settembre 1943 è stato internato in Germania per quasi due anni. Nel 1947 si è laureato in Letteratura italiana contemporanea (relatore Ungaretti) con una tesi riguardante scrittori di mare italiani e stranieri, approfondendo in particolare l’opera di Vittorio G. Rossi.

Ha pubblicato il suo primo libro, Morte per acqua, presso Sansoni nel 1952, cui hanno fatto seguito La deriva, Einaudi 1955; La riva di Charleston, Einaudi 1960; Allegro parlabile, Rizzoli 1965; Il gabbiano azzurro, Einaudi 1967 (Premio “Viareggio”); La spiaggia d’oro, Rizzoli 1971 (Premio “Strega”); La ritrattazione, De Luca 1973; La ballata della vela, Rizzoli 1974.

Dopo la morte, avvenuta il 7 febbraio 1978, sono usciti postumi Mare dei deliri, Mursia 1981; Acrimonia, Vallecchi 1988; Racconti atalattici, Edizioni del “Gruppo Taranto” 1991.

Start typing and press Enter to search