Ludvìk Vaculìk

Biografia e opere

LUDVIK VACULIK è nato a Brumov il 23 luglio 1926. E stato redattore della casa editrice “Rudè pràvo”, della radio cecoslovacca e della celebre rivista letteraria “Literàrnì Noviny”.

Membro del partito comunista cecoslovacco dal 1946, venne espulso nel 1967; è stato uno dei promotori della “Charta ‘77” riuscendo a coagulare intorno a questo “manifesto” il consenso di duecentoquarantatre tra scrittori, artisti e intellettuali contro il regime filosovietico. Negli anni successivi all’espulsione, ha diretto la casa editrice del samizdat “Edice Petlice”: i suoi libri, proibiti, circolavano clandestinamente; solo dopo la “Rivoluzione di velluto” del 1989 i suoi volumi sono ricomparsi ufficialmente in libreria.

Tra le sue opere più importanti spicca L’ascia, 1996, romanzo autobiografico tradotto in diverse lingue. Cesta na Pradéd (tradotto ora per Santi Quaranta con il titolo di Con i Cavalli in Moravia) è nato come reportage di viaggio ed è stato scritto in più riprese diventandi libro per l’editrice Atlanis di Brno, nel 2001.

Attualmente scrive sulla rivista letteraria “Literàrnì Noviny” mentre, sul quotidiano “Lidovè Noviny”, tiene la rubrica settimanale “Poslednì slovo” (“Ultima parola”).

Start typing and press Enter to search