Antonio Russello

Biografia e opere

ANTONIO RUSSELLO nasce a Favara (Agrigento) il 19 agosto 1921. Emigra al Nord, insegnando Lettere italiane a Treviso e nella Marca Trevigiana. Muore a Castelfranco Veneto (Treviso) il 26 maggio 2001.

Viene scoperto da Elio Vittorini che, nel 1960, gli pubblica presso Mondadori il romanzo La luna si mangia i morti. Russello edita in seguito diverse altre opere narrative di eccezionale valore e numerosi testi teatrali, alcuni dei quali vengono rappresentati: Ruderi, 1946; La terra, 1946; Racconto della luna, 1973; La ballata degli uomini verdi, 1975; Lo specchio, 1985; Inventare i nanetti, 1985.

L’editore palermitano Flaccovio ha il grande merito di aver dato alle stampe, nel 1969, il romanzo Giangiacomo e Giambattista, finalista al Premio Campiello del 1970 vinto da Mario Soldati.

L’Editore Santi Quaranta ha pubblicato: nel 2002, L’isola innocente; nel 2003, La luna si mangia i morti (una seconda edizione nel 2011); nel 2004, Storia di Matteo; nel 2005, La danza delle acque; nel 2006, Siciliani prepotenti; nel 2007, La grande sete; nel 2008, Finestre sul Canal Grande; nel 2010, Il direttore d’orchestra; nel 2011, In viaggio con l’Auto-ferma; nel 2012, Ragazze del Friuli.

Opere di Antonio Russello edite da Santi Quaranta

L’isola innocente

Start typing and press Enter to search